COSA FARE PER
APRIRE UNA COOPERATIVA


  • Essere almeno 3 soci
  • Descrivere il progetto d'impresa, i ruoli dei soci e le attività
  • Fare un business plan per verificare la sostenibilità del progetto
  • Redigere l'atto costitutivo e lo statuto presso un notaio
  • Iscrizione nel registro delle imprese presso la Camera di Commercio
  • Chiedere attribuzione del codice fiscale e della Partita Iva all'Agenzia delle Entrate
  • Comunicare l'inizio attività all'Agenzia delle Entrate e alla Camera di Commercio
  • Iscrizione all'Albo delle Cooperative presso il Ministero dello Sviluppo Economico

Perché la scelta cooperativa?

Se si sceglie la forma cooperativa può essere più facile e meno rischioso sviluppare il sogno di diventare imprenditore. Perché attraverso la cooperazione le idee imprenditoriali individuali, i progetti, il lavoro, si associano fra loro, interagiscono, si arricchiscono, mettono a frutto le esperienze e le conoscenze di un’organizzazione più complessa che in molti casi ha dimo-strato la capacità di fare sistema. Perché nella cooperazione non esiste la distinzione di titolare/dipendente.

Essere cooperatori vuol dire agire insieme in una struttura dinamica in cui al tempo stesso si è lavoratori e imprenditori, in cui si fondono doti di managerialità e doti di mutualità. Aderire al modo cooperativo di “far economia”, significa appartenere a un sistema che intende seguire le evoluzioni tecnologiche e produttive senza snaturare l’essenza solidari-stica che è alla base della cooperazione stessa.

Affermatasi in pressoché tutti i sistemi economici, la cooperazione ha inizio dalla difesa della solidarietà e approda a un moderno sistema integrato di imprese produttive.